sirolo

Una giornata tipo a Sirolo?

Scopri come trascorrere le tue vacanze a Sirolo

Si parte con una prima colazione in piazzetta, godendo di una bellissima vista sul mare e poi si scende verso la spiaggia Urbani o la spiaggia di San Michele percorrendo i vari sentieri del bosco, attraversando la macchia mediterranea, per scoprire il mare meraviglioso, limpido, premiato per ben 17 anni con la Bandiera Blu d'Europa che riconosce quei comuni che hanno saputo tutelare la qualità delle coste e dell’acqua.

La sera è meraviglioso cenare in uno dei ristorantini dell’elegante centro o dei dintorni, una bella cena di pesce dell'Adriatico, fresco, per poi proseguire la serata in uno dei bar della piazzetta di Sirolo per protrarsi fino a tarda notte nei vari localini del centro. Per il tempo libero, innumerevoli sono le opportunità di praticare sport che Sirolo e la Riviera del Conero offrono a chi gli fa visita. Dalla terra ferma al mare, gli appassionati dello sport possono praticare ogni sorta di attività. Oppure si può andare a caccia di griffe e occasioni facendo shopping nei numerosi outlet delle Marche nei pressi di Sirolo.
sirolo

Itinerari culturali

Dalla poesia del paesaggio ai segni della storia, il volto della Riviera del Conero, della provincia di Ancona e della confinante provincia di Macerata offrono una così ricca gamma di proposte da scoprire all'infinito.

Scopri di più sugli itinerari culturali

Oggi denominata città della Poesia, Recanati diede i natali a Giacomo Leopardi: visitare la sua casa, la piazzetta del Sabato del Villaggio e il Colle dell'infinito è una vera e propria immersione nelle sue poesie.

Jesi ricca città industriale ha intrecciato invece la sua storia medievale con Federico II che qui nacque. Racchiuso tra le mura un meraviglioso centro storico si mostra al turista e il lungo e ampio corso sormontato dall'Arco Clementino risulta essere la meta ideale anche per lo shopping. Al compositore Pergolesi, jesino di nascita, è dedicato il teatro protagonista della piazza principale della città. Nella pinacoteca si possono ammirare le tele di Lorenzo Lotto.

Urbino è una delle capitali del Rinascimento italiano, in posizione panoramica sopra un alto dorso collinare, divide la valle del Metauro da quella del Foglia. Suggestiva cittadina, è uno dei centri artistici e turistici più importanti del mondo, perno culturale internazionale per il sommo valore ambientale e le testimonianze più importanti del Rinascimento. Meravigliosamente conservati sono l'impianto urbanistico della città, identica qual è descritta nei trattati quattrocenteschi, lo splendido Palazzo Ducale che si erge armoniosamente sul profilo contemporaneo della città.

Macerata piccolo e delizioso capuologo di provincia a mezz'ora di strada da Sirolo investe egregiamente in attività teatrali e musicali ed è apprezzata a livello internazionale con la stagione lirica del Teatro Sferisterio. propone, estate e inverno, itinerari per tutti gli appassionati.
sirolo

Itinerari religiosi

La Fede incontra, nella Riviera del Conero, l'amorevole espressione della devozione Mariana, accogliendo migliaia di fedeli provenienti da tutto il mondo nel santuario della Madonna di Loreto.

Scopri di più sugli itinerari religiosi

Nella meravigliosa e imponente Basilica i pellegrini possono visitare la Santa Casa che gli angeli hanno trasportato da Nazareth fino a qui. Ma la preghiera e la meditazione trovano anche molti altri luoghi particolarmente noti, spesso d'interesse storico o custodi di opere d'arte di altissimo livello.

San Ciriaco, duomo di Ancona si erge presuntuosa sopra il Porto ed è sede dell’Arcidiocesi di Ancona.
Il quadro della Madonna all’interno della chiesa è stato donato al Duomo nel 1615 da un marinaio veneziano, come ringraziamento per aver salvato suo figlio dal mare in tempesta. Da allora il quadro della Vergine è oggetto di profonda devozione da parte di molti fedeli anconetani. Alcuni cronisti parlano di un miracolo avvenuto la sera del 25 giugno1796, davanti ad alcuni i fedeli che stavano celebrando le litanie alla Madonna. Secondo queste cronache il quadro avrebbe aperto gli occhi e sorriso, anche nei giorni seguenti.

Altra chiesa da segnalare è la chiesa di Santa Maria di Portonovo, una piccola chiesa in stile romanico costruita dai benedettini dal 1034. A due passi dal mare ed immersa nel verde dell'attuale parco naturale. La struttura architettonica è suggestiva e singolarissima, fusione di croce greca, pianta basilicale e chiesa a cappelle parallele. Le mura esterne sono in pietra bianca del Conero, mentre il pavimento interno è costituito da pietra gialla e cotto.
Ascoli Piceno piena di luce di travertino e di nobiltà va camminata e scoperta. Gli edifici bianchi ne fanno un luogo solare e meta degli amanti fotografi.
Da segnalare la Cattedrale di Sant’Emidio e Battistero romanico nella piazza del Popolo e tante chiese bellissime dallo stile neoclassico al romanico, dal gotico al Barocco.
sirolo

Itinerari naturalistici

Il Parco del Conero è un paradiso di rara bellezza, esteso in un'area protetta di 5800 ettari che racchiudono scorci emozionanti e suggestivi.

Scopri di più sugli itinerari naturalistici

La baia di Portonovo, la spiaggia delle "Due Sorelle", il belvedere nord, pian dei Raggetti, percorsi che attraversano i colori e i profumi della macchia mediterranea, perfetto habitat per numerose specie di uccelli presenti e per la ricca presenza faunistica.

Altro parco di notevole interesse, ma dell’entroterra delle Marche, è quello dei Monti Sibillini: regno della mitica Sibilla è uno scrigno di natura, tradizioni e leggende.
Abbazie e dei centri storici medioevali, disseminati a guisa di corona alle falde del gruppo montuoso, hanno contribuito a determinare un mondo antico e suggestivo dove il tempo sembra, ancora oggi, essersi fermato.

Nel cuore dell’entroterra marchigiano, nei pressi di Genga, troviamo le Grotte di Frasassi: importante complesso speleogico di grande fascino. Patrimonio da sempre tutelato e valorizzato, le Grotte offrono un percorso turistico completo di circa 1600 m. in piena sicurezza. Il grande complesso carsico (il più vasto conosciuto in Italia) è tra le mete turistiche di maggior richiamo internazionale delle Marche, in cui ammirare il meraviglioso spettacolo della mestosità della natura.

Grotte sotterranee, vere e proprie città nascoste sono visitabili a Camerano e Osimo con visite guidate che ne svelano gli usi, i misteri e le storie.
sirolo

Itinerari enogastronomici

A Sirolo e nella Riviera del Conero le persone amano mangiar bene e soprattutto hanno il piacere di riservare agli ospiti tutte le prelibatezze del territorio.

Scopri di più sugli itinerari enogastronomici

Rosso conero e Verdicchio dei Castelli di Jesi per iniziare dal vino. Due varietà autoctone, la prima propria del territorio di Strong e dintorni, la seconda tipica della Vallesina. Due vini e tante cantine da visitare perché chi ama il buon vino ama assaggiarlo direttamente in cantina.

Sirolo e tutte le località della Riviera accolgono i turisti con le specialità di pesce, con pesce e molluschi dell’Adriatico come i “moscioli”. I “moscioli” è la parola dialettale utilizzata per una varietà di cozza selvatica dalla conchiglia nera e allungata e dall’inconfondibile profumo di mare. In Ancona e trattorie tipiche si può gustare lo stoccafisso all’anconetana, piatto insaporito con sugo alle verdure e spezie aromatiche e verdicchio dei Castelli di Jesi.
sirolo
Prenota la tua vacanza a Sirolo!

sirolo

Ancona

siroloCapoluogo della Regione, storica porta d’oriente, la città è disposta come un ampio anfiteatro limitato dai primi dolci rilievi del M. Conero e dal mare.
La città ha una doppia anima: una parte antica, dove si concentrano monumenti ed opere d’arte, sulla cui sommità spicca il Duomo di S. Ciriaco; e la città moderna, formatasi tra la fine del XVIII e gli ultimi anni con vie spaziose ed ampie zone verdi. Tra queste, una delle più affascinanti è il “Passetto”, luogo di svago e di riposo, si affaccia sull’alta costa a picco sul mare. Lungo la costa, tagliata a picco, si estende la spiaggia.
Ancona è un attivo centro di commerci, con un ottimo porto naturale (l’unico del medio Adriatico) collegato con le opposte sponde iogoslave e greche per gli scambi mercantili e turistici.

Baia di Portonovo

siroloPortonovo è un'appartata località balneare in un quadro naturale di grande bellezza.
All’estremità della spaggia si scorge il Fortino napoleonico eretto nel 1808 a difesa delle provigioni idriche dalle navi inglesi; poco distante c’è la Torre di guardia, imponente torrione di vedetta innalzato nel 1716, per breve tempo curiosa dimora del poeta Gabriele D’Annunzio.
Proseguendo si scorge la baia in vista dello scoglio del Trave, tra i dirupi del colle del Conero e il mare.

Camerano

siroloIn bella vista su un altopiano ondulato, centro su una dorsale alle falde del Conero, Camerano è la regina del Rosso Conero, vino DOC dal caratteristico rosso rubino intenso.
La città ha dato i natali al noto pittore Carlo Maratta (1625-1713), le cui opere hanno influenzato il gusto nelle corti europee del XVII secolo e di cui possiamo ammirare la Madonna col Bambino e Santi nella Parrocchiale.
La città è attraversata da suggestivi percorsi sotterranei che “disegnano” una vera e propria “città sotteranea”. Oggi le grotte sono fruibili per esplorazioni ed emozionanti percorsi turistici, stupiscono il visitatore con ricche decorazioni: bassorilievi ornamentali, simboli religiosi e particolarissimi gusti architettonici.

Castelfidardo

siroloNota in tutto il mondo per essere la patria della fisarmonica, Castelfidardo è anche città simbolo delle battaglie risorgimentali tra i Piemontesi e i Pontifici.
La cultura e l’amore verso la fisarmonica viene esposta all’interno del Museo Internazionale della Fisarmonica, all’interno degli ambienti seicenteschi del Palazzo Comunale, dove si mostrano antiche e rarissime collezioni dello strumento, ricostruzioni delle antiche botteghe con attrezzi originali che ben descrivono le antiche atmosfere del “lavoro di bottega”.
Il Museo del Risorgimento comprende tre strutture: le sale espositive, all’interno dello storico palazzo Mordini, dove sono esposti documenti e cimeli a ricordo della battaglia del 18 settembre 1860, il complesso monumentale all’aperto in memoria dei caduti di Castelfidardo e l’area della battaglia, dove si trova il sacrario dei soldati di tutti gli eserciti e di tutte le guerre.

Loreto

siroloIn armonia con la poesia del paesaggio, Loreto ospita il celebre santuario della Santa Casa, uno dei più importanti d’Italia, meta costante di pellegrini per l’importante significato religioso e di visitatori per le alte espressioni d’arte.
L’attenzione è rapita dal complesso monumentale del santuario: l’effetto scenografico del Palazzo Apostolico, la facciata della chiesa, la cupola e le forme del singolare campanile vanvitelliano. All’interno del santuario troviamo le opere di noti artisti rinascimentali, sino ad arrivare ai contemporanei. Manifestazione interessante e d’altissimo livello è la Rassegna internazionale di Musica Sacra "Virgo Lauretana".

Numana

siroloIn armonia con la poesia del paesaggio, Loreto ospita il celebre santuario della Santa Casa, uno dei più importanti d’Italia, meta costante di pellegrini per l’importante significato religioso e di visitatori per le alte espressioni d’arte.
L’attenzione è rapita dal complesso monumentale del santuario: l’effetto scenografico del Palazzo Apostolico, la facciata della chiesa, la cupola e le forme del singolare campanile vanvitelliano. All’interno del santuario troviamo le opere di noti artisti rinascimentali, sino ad arrivare ai contemporanei. Manifestazione interessante e d’altissimo livello è la Rassegna internazionale di Musica Sacra "Virgo Lauretana".

Offagna

siroloOffagna è un piccolo paese, noto per l’antica rocca a pianta quadrata con torri e mastio, innalzata nel 1454, ospitante il Museo delle Armi, raccolta di armamenti di varie epoche.
Dalla cima della Rocca si scorge un meraviglioso panorama, che abbraccia uno dei più affascinanti “scenografie” della marca anconetana.
D'alto interesse scientifico-didattico è il Museo di Scienze naturali “Luigi Paolucci”, che espone una ricca stumentazione scientifica ed esemplari di flora e fauna caratteristiche del territorio marchigiano.

Osimo

siroloCittà tra le più caratteristiche ed antiche della regione, Osimo si staglia tra le valli dell’Aspio e del Musone, nell’entroterra anconetano.
Ricca di storia e tradizioni, Osimo vanta numerose tracce degli antichi periodi di prosperità, visibili tutt'oggi nel centro storico, ricco di edifici sacri e di importanti palazzi nobiliari.
Ne sono esempi: il Palazzo Campana, ricco di collezioni artistiche; S. Giuseppe da Copertino, il santuario dove sono raccolte le spoglie del venerato santo; il Palazzo Municipale, dove sono esposte 12 statue romane, vero simbolo della città. Ed ancora: i settecenteschi Palazzi Balleani-Baldeschi, con soffitti in stucco dorato, arazzi, sontuosi mobilio del sec. XVI; l’affascinante Duomo dedicato a S. Leopardo, armonico equilibrio di stili e contaminazioni presenti dall’anno della sua fondazione (VIII sec) sino agli ultimi interventi di conservazione.
Ma la città è anche ricca di iniziative culturali e feste folkloristiche, una città dove il moderno si confonde con l’antico passato, ricca di feste folkloristiche ed iniziative enogastronomiche.

Recanati

siroloLa città della Poesia si posa in posizione panoramica tra le valli del Musone e del Potenza, posta tra i luoghi più ridenti della provincia. È soprattutto suggestiva per l’immortale poesia del conte Giacomo Leopardi, ma presenta interesse anche per vari monumenti e opere d’arte della pinacoteca civica e del Museo Diocesano, nonché per il museo Beniamino Gigli, ricco di cimeli e ricordi del cantante ammirato in tutto il mondo.
Una città dove è ancora possibile respirare le atmosfere dei luoghi descritti dal Poeta, visitarne la casa natale, perdersi nell’Infinito del belvedere, ritrovare antichi scorci ed aristocratici fregi.

Prenota subito a Sirolo

Compila il form e invia subito una richiesta di disponibilità alle strutture che più ti interessano:

Input non valido

Inserire Nome e Cognome

Email non valido

Seleziona data di arrivo

Input non valido

Selezionare numero di adulti

Selezionare numero di bambini

Compila un messaggio

  

Cerca e prenota

Sirolo accoglienza: le offerte

  • Offerta 01 - Alle Pendici del Conero
    Le offerte di Alle Pendici del Conero Termina Mercoledì, 30 Novembre -0001 Vai
  • Offerta 01 - Zaratan
    Le offerte di Zaratan Termina Mercoledì, 30 Novembre -0001 Vai
  • Offerta GIUGNO A SIROLO - Camere Il Parco
    Le offerte di Camere Il Parco Termina Mercoledì, 30 Novembre -0001 Vai GIUGNO A SIROLO VALIDA DAL 2 AL 19 GIUGNO

Sirolo Eventi 2016

    Degusta Sirolo: offerte

    Ricevi esclusive offerte ed eventi degli Hotel a Sirolo!

    • sirolo
    • COMUNE DI SIROLO piazza Giovanni da Sirolo, 1
      Tel. +39 071 9330572
      Fax +39 071 9331036
    • UFFICIO INFORMAZIONI TURISTICHEpiazza Vittorio Veneto
      Tel. +39 071 9330611
      info@sirolo.marche.it
    • PRO - LOCO SIROLOpiazza Dante
      Tel. +39 071 9332065
    sirolosirolosirolosirolosirolosirolo

    sirolo